In evidenza

LE BASI STORICHE DELL' IDENTITA' SOCIALISTA. TURATI E IL PACIFISMO di Alberto Benzoni

I socialisti, parlo dei socialisti della seconda internazionale, sono comparsi sulla scena dopo i democratici radicali e dopo Marx. E,a differenza dei primi e del secondo, sono stati, sin dall'inizio, convinti pacifisti. Non così i democratici, imbevuti, ancora sin dall'inizio, di quello spirito missionario, di quel senso di superiorità intellettuale e morale che gli avrebbero spinti, a partire dalla Francia giacobina e napoleonica, a promuovere una stagione di guerre di popolo per affermare i principi della Rivoluzione e, successivamente, i diritti delle nazionalità oppresse. Non così gli interventisti democratici italiani del 1915, complici oggettivi della monarchia e dei futuri fascisti, nel travestire una guerra di conquista in una contro l'Austria-Ungheria prigione di popoli. Non così l'America giustamente vincitrice di due guerre mondiali in cui era stata trascinata contro la sua volontà ma anche, prima e dopo, espressione suprema e permanente di quella ...[segue]

Archivio articoli

Le Notizie

Archivio notizie