In evidenza

D’ALEMA: «A SINISTRA È VIETATA LA ROTTURA, PER TUTTI NOI È L’ULTIMA CHIAMATA» di Daniela Preziosi da Il Manifesto del 20 giugno

Il colloquio. L'ex premier: un fischio non mi spaventa, ma insieme a tanto impegno al Brancaccio c’era dell’estremismo. La sfida di governo è doverosa. I civici facciano una svolta, servono tutte le forze. Con Pisapia ingenerosi, ho detto a Vendola: non è una creatura del renzismo. Per dirla come la direbbe un comunista italiano, non si può dire che Massimo D’Alema sia stato convinto dalla riunione dei ’civici’ di domenica scorsa al Brancaccio. «Da vecchio militante ho una certa esperienza di assemblee, in questa c’era un po’ di estremismo. A partire dall’introduzione di Tomaso Montanari», spiega a chi gli chiede  un giudizio. C’è dell’ironia. Ma la questione è  seria. D’Alema era in prima fila, a un passo dal palco, quando il combattivo giovane studioso ha elencato le colpe del vecchio centrosinistra. E, nel lungo elenco, ha scandito  «la guerra illegale in Kosovo». D’Alema, che era il presidente del consiglio i ...[segue]

Archivio articoli

Le Notizie

Archivio notizie